Navigation

Gamberetti

I gamberetti sono crostacei a coda lunga (nel linguaggio scientifico «Macruri») sprovvisti di chele.

I gamberetti sono crostacei a coda lunga (nel linguaggio scientifico «Macruri») sprovvisti di chele. In corrispondenza del dorso, l’esoscheletro non è eccessivamente duro e si presenta il più delle volte di un grigio vitreo, verdastro o giallognolo. Come suggerisce il nome del sottordine di crostacei cui appartengono, i gamberetti hanno la coda più lunga rispetto alla parte anteriore del corpo e nella coda si trova la loro apprezzatissima carne. Essa viene consumata prevalentemente bollita o cotta in padella, ma anche cruda, ad esempio nel sushi. Cuocendoli senza sgusciarli, il loro esoscheletro prende colore fino a farsi d’un intenso arancione e d’un rosso fuoco. Esistono circa 3000 varietà di gamberetti, delle quali almeno 350 sono oggetto di pesca commerciale. La maggior parte dei gamberetti vive in acqua salata.
Dal punto di vista culinario si distingue anche fra quelli d'acqua fredda e quelli d'acqua calda. Il motivo di fondo è che quanto più fredde e profonde sono le acque in cui i gamberetti vivono, tanto più lentamente essi crescono. Il che ha effetti anche sul gusto, che diverrà tanto più deciso quanto più fredde e profonde sono le acque.

Una piccola selezione di gusti a confronto:

960X720_Fisch_Crevetten_Warmwassercrevette.jpg

Gamberetti d'acqua calda

I gamberetti d'acqua calda cresciuti in determinate condizioni biologiche sono una squisitezza. Il loro sapore è delicato e lievemente dolce e sprigiona un fantastico senso di freschezza, che appena qualche goccia di limone basta ad esaltare appieno. E proprio come nel mare, vi ondeggia e riecheggia una nota salina. Al morso sono belli sodi, ma la carne è delicata e tenera. Fatti alla griglia poi, non si resiste. Meglio comunque non sgusciarli prima di cuocerli, perché con il calore l’esoscheletro prende degli appetitosi colori tra il rosso e l’arancione. Attenzione però a non cuocerli troppo, altrimenti non restano succosi. Tra le tante gustose preparazioni dei gamberetti ci sono quella al curry o semplicemente aggiungerli cotti e sgusciati ad una zuppetta di zucca con un po’ di zenzero.

Una coppia perfetta: con del crescione fresco, la delicata carne dei gamberetti d'acqua calda alla griglia accentua la sua bontà.

 

960X720_Fisch_Crevetten_Kaltwassercrevette.jpg

Gamberetti d'acqua fredda 

I gamberetti d'acqua fredda, per via delle basse temperature dei loro habitat, crescono meno velocemente dei loro colleghi d’acqua calda; in compenso però il loro sapore è più intenso.  Il sapore, ad ogni modo, si preserva meglio cuocendo i crostacei senza sgusciarli; ciò è tanto più vero per i metodi meccanici di sgusciatura ad acqua, poiché essi impoveriscono la carne. Chi sente l’odore dei gamberetti d'acqua fredda freschi, sa subito da dove vengono: direttamente dal mare. Certo, può capitare che il loro odore risulti neutro, ma molto più spesso da questi gamberetti si diffondono le note dei profumi del mare e delle alghe. Alla base del loro gusto c’è una componente salata, cui se ne intreccia però una lievemente dolciastra che dà freschezza a tutto l’insieme. Se paragonati ai loro colleghi  d'acqua calda, sodi e compatti, al morso i gamberetti d'acqua fredda sono decisamente morbidi, se non tenerissimi.

Una coppia perfetta: con la sua dolce piccantezza, il cerfoglio è in perfetta armonia con il gusto intenso dei gamberetti d'acqua fredda.

 

960x720_Fisch_Crevetten_BlackTiger_roh.jpg

Gamberi Black Tiger

Come il predatore da cui prendono il nome, i gamberi Black Tiger hanno una livrea... tigrata, con la differenza che questi animali marini presentano delle striature chiare su sfondo scuro. La loro carne è soda, delicatamente dolce e di qualità eccellente, ragion per cui questi crostacei si sono guadagnati il soprannome di «astice dei poveri»: in effetti ricordano molto il sapore di quella pregiatissima leccornia. I gamberi Black Tiger, provenienti per lo più da acque asiatiche, sono solitamente di odore neutro, anche se talvolta hanno un profumo simile a quello del pesce fresco. I Black Tiger sono facili da preparare e per questo li si trova nelle cucine di tutto il mondo. Li si può cuocere a fuoco lento, vivace o alla griglia.

Una coppia perfetta: basta saltare in padella con un po’ d’aglio o peperoncino i gamberi Black Tiger, e a tavola è festa.

 

LE RICETTE ADATTE SU:

ORA SU SAISON.CH!

Altri gruppi di prodotti secondo i tuoi gusti